Pancetta affumicata

Salume tipico Trentino
nome prodotto-immagine
ASPETTO DEL PRODOTTO
Prodotto tipico trentino, localmente chiamata “panzeta”.
E’ la pancetta del maiale a cui sono state tolte le costole.
Si usa come affettato da accompagnare col pane o altro companatico.
Ma anche per fare un sugo alla carbonara. O nei crauti per profumare leggermente di fumo la pietanza. Per arrotolare attorno ad un involtino.
MODI DI UTILIZZO
Si usa come affettato da accompagnare col pane o altro companatico.
Ma anche per fare un sugo alla carbonara. O nei crauti per profumare leggermente di fumo la pietanza. Per arrotolare attorno ad un involtino.
INGREDIENTI
carne di suino leggero
Sale, aromi, spezie,
antiossidante: E 301
conservanti: E252, E 250
FASI DI PROCESSO
Disosso della pancetta per l’asportazione delle costole.
Preparazione della miscela degli ingredienti e additivi.
Aggiunta della stessa alle pancette che verranno sovrapposte in un contenitore.
Girate settimanalmente nella loro concia per un mese.
Asciugate due giorni e poi affumicate coi legni di faggio e rametti di ginepro.
Stagionate per almeno tre mesi. Lavate dalla muffa, asciugate e confezionate.

QUANDO LA CULTURA DEI “NOSI VECI” SI IMPONE NELL’ ARTE DELLA CONCIA E DELLA CONSERVAZIONE CON AFFUMICATURA, ALLORA NASCONO PRODOTTI COME QUESTO.

Matteo Bailoni